Cosa è il COA - Centro Operativo Alzheimer

 Il COA è un protocollo clinico, ideato dall’Istituto svizzero Dya (dyaswiss.ch), che, in collaborazione con la Fondazione Turano per le Neuroscienze di Roma (IT), propone a centri medici e cliniche polispecialistiche una procedura agile e rapida per la individuazione del declino cognitivo lieve. Consente quindi di fare una diagnosi precoce delle demenze e rappresenta il punto di collegamento tra il medico di base e i Centri specializzati nella cura delle demenze.

Il protocollo COA è un esame neuro-psico-radiologico, che viene eseguito in tempi brevissimi e dà luogo a un referto, alla stregua di qualsiasi esame di laboratorio o di generica indagine clinica. Il medico di famiglia che osserva in un suo paziente un sintomo indicativo di disturbo della memoria o della attenzione, del linguaggio o dell’umore, può eseguire un test semplice di depistage messo a disposizione dallo stesso COA. Nel caso in cui il punteggio di questo test di 5 domande/risposte semplice da somministrare, determini un punteggio ridotto, il medico di famiglia invia tempestivamente il suo paziente al COA, il quale, sottoposto il paziente al protocollo specifico neuroradiopsicologico di circa 2 ore, restituisce al medico in pochissimo tempo una risposta obiettiva e sicura. Con la stessa facilità con cui il medico di famiglia chiederebbe a un laboratorio una glicemia, quindi, egli può richiedere al COA un esame per il suo paziente.

Il paziente che viene inviato al COA esegue un test neuropsicologico specifico per la valutazione delle funzioni cognitive e una RMN con un programma ben definito di neuroimmagine del cervello. Al termine del protocollo, il Responsabile del COA, di solito un neurologo, redige un referto in cui riporta una breve descrizione dei risultati e, nelle conclusioni del referto, fornisce al medico richiedente tre possibili strade per procedere:

A. Assenza di deficit con controllo semestrale o a un anno
B. Deficit cognitivo lieve. Il medico curante avvia il paziente al programma di prevenzione della demenza.
C. Deficit cognitivo moderato o severo. Il medico di famiglia invia il paziente alla struttura specializzata per le demenze territorialmente più vicina

  • Il COA è aperto a tutti, esso consente di:
    Riconoscere i primi sintomi di declino. Ciò permette di curarlo intervenendo precocemente
    ed evita la trasformazione in demenza.
  • Migliorare la performance cognitiva dei soggetti che aderiscono ai programmi di
    prevenzione, avviandoli a buone abitudini alimentari e fisiche che prevengono il declino cognitivo e le demenze.
  • Creare sul territorio una maggiore consapevolezza del problema dell’aumento delle demenze, favorendo i servizi e l’aiuto alle famiglie con un malato di Alzheimer.

Scopri il COA più vicino